A VOLTE RITORNANO

"Cosa farai dopo ?"

somma2

 

  Giovanna Somma, agerolese, oggi studentessa della facoltà di Lettere e Filosofia Federico II di Napoli, ha frequentato il liceo scientifico (corso C), diplomandosi brillantemente nell'anno scolastico 2014-2015 con una originalissima tesina multimediale avente per tema conduttore i film d'animazione giapponesi dello Studio Ghibli. 

 

 

 

La vita di ognuno di noi è scandita da domande obbligate, a cui ci tocca rispondere prima e che poniamo, a nostra volta, poi.
La domanda che accompagna voi, ragazzi frequentanti il terzo e ultimo anno di scuola media, è approssimativamente questa: < Cosa farai dopo?>

A questo punto sorgono nuove domande:
Immediatamente dopo aver concluso l’esame?
Dopo i mesi estivi passati a rilassarvi?
Insomma, dopo quando?

Che ruolo assume, esattamente, quel dopo, nella vostra vita?
Ebbene: non è nient’altro che il futuro a cui andate incontro.

La scelta a cui siete chiamati, dopo  aver concluso i tre anni di scuola media, vi accompagnerà per cinque anni cruciali nella vostra formazione.
E così vi ritroverete, in futuro, concluso anche l’esame di maturità (che è già dietro l’angolo), a dover fare i conti di nuovo con il dopo.

Da questa prima scelta potrete dire di star diventando adulti. Dovete assumervi le vostre responsabilità per la prima volta.
Inizierete a scrivere da questo momento la storia della vostra vita.
Dico vostra, e di nessun altro. Dimenticate, quindi, per un attimo, parenti, amici e tutto ciò che, in qualche modo, possa condizionarvi.
A questo punto siate voi stessi a porvi quella fatidica, a volte fastidiosa, domanda: Cosa voglio fare dopo?
Non è detto che avrete già le idee chiare. Non disperate. In  quel caso potete pensare a quale materia abbia suscitato maggiormente il vostro interesse in questi tre anni, cosa vi piacerebbe fare quand’avrete trent’anni, quali sono le passioni che riempiono i vostri pomeriggi adolescenziali.
Non pensate ai " lì non si studia, si fa poco’" o  "il liceo non ti servirà a niente’", sono frasi che non hanno senso.
Non scegliete un indirizzo per conservare amicizie. Ve ne farete di nuove, e non necessariamente le vecchie svaniranno.
Pensateci, e rispondete con sincerità.
Non seguite la strada che vi sembra più facile, a cosa vi porterà?
Inoltre sappiate che dopo cinque anni di superiori potrebbe capitare che la materia per cui avevate scelto quel determinato indirizzo non vi piaccia più, e all’università vi troverete a studiare tutt’altro. Quindi la domanda base sarà "E che l’hai fatto a fare?"
Ma cosa importa? Il bello è anche questo.
Siamo umani, le idee cambiano.
E’ solo percorrendo una strada, che si comprende dove si voglia arrivare veramente.
Se finirete le superiori, invece, ancor più convinti della scelta presa a soli 14 anni, quando il futuro era racchiuso solo in un  oscuro "dopo", vi sorprenderete e sarete orgogliosi di voi stessi.

L’ultimo, e più semplice, passo per concludere l’incipit della vostra futura vita è scegliere l’istituto da frequentare.
In questo caso non pensateci troppo su, la risposta è proprio sotto i vostri occhi: L’ISTITUTO SUPERIORE MARINI-GIOIA.

Perché?
Se lo studiare in uno dei posti più belli e invidiati al mondo non vi basta come motivazione allora sarò costretta ad elencarne altre.
Le restanti perché non provate a scoprirle da voi, iscrivendovici?

La scuola è fatta prima di tutto dagli insegnanti.
E allora scegliete l’istituto Marini-Gioia per la  voglia che gli stessi hanno di migliorare le attrezzature presenti in esso, al fine di migliorare le loro lezioni e il vostro apprendimento.
L’istituto Marini Gioia è un Istituto che cresce con voi.
Lo vedrete cambiare, mutare, sempre in meglio.
Al passo coi tempi, al passo con voi.
Tutto per un unico scopo: formarvi al meglio, sotto ogni aspetto.
L’aula scolastica non sarà il recinto della vostra vita. Ci saranno giorni in cui vi annoierete, e vorrete essere da tutt’altra parte. Ma in fondo lì starete bene, con quegli insegnanti che si riveleranno delle guide e degli amici con cui condividere gioie o dolori.

Vi siete mai chiesti cosa significhi la frase "il futuro è nelle vostre mani" ?
Come ho detto all’inizio, la storia della vostra vita inizia da questa scelta, al momento dell’iscrizione.
E se volete costruirvi un futuro solido, che resista alle intemperie che la vita vi porrà davanti, avrete bisogno di basi salde. Quelle che solo l’Istituto Marini-Gioia è capace di darvi.
Cosa state aspettando, allora? Impugnate la penna, e iscrivetevi!


In bocca al lupo, e seguite il mio consiglio. Dopo mi ringrazierete.